Bistro

All’OVAVERVA si trova tra l’altro il bistrò OVAVERVA, aperto anche ad ospiti provenienti dall’esterno. Su una superficie di 530 metri quadrati, il bistrò offre 90 posti a sedere all’interno e 40 sulla terrazza. Dell’offerta gastronomica del centro fa parte anche il bistrò della piscina che mette a disposizione degli avventori altri 30 posti interni e 30 sulla terrazza.

Serviti e riveriti grazie a un’attraente offerta: ai suoi ospiti il bistrò OVAVERVA offre tutto il giorno di che placare fame e sete con una gamma di selezionate proposte culinarie che spaziano dalla prima colazione al menu di mezzogiorno fino a snack e dolci per ristorarsi tra un’attività e l’altra. Il menu di mezzogiorno da CHF 17.50, oltre a un piatto del giorno sempre diverso, comprende anche una bevanda sfusa di 4 dl e un caffè. Ovvio, poi, che da noi anche i bambini trovino «pane per i loro denti»: la nostra carta propone infatti tutti i classici preferiti dagli ospiti più piccoli, dai bastoncini di pesce alle crocchette di pollo, dagli hot dog fino alle immancabili patatine fritte.

Inoltre: in Engadina si celebra la "haut cusine"

La guida Gault-Millau dimostra che gli ospiti in Engadina non mangiano bene soltanto durante il St. Moritz Gourmet Festival. La densità di punti Gault-Millau in valle significa letteralmente "Haute Cuisine" sul tetto del mondo, poiché sono molti i ristoranti engadinesi di spicco situati al di sopra dei 1800 metri s.l.m.

Lo scenario cambia così come le tante specialità: qui è possibile banchettare e mangiare in sale storiche, moderni lounge, accoglienti soggiorni rivestiti di pino cembro o rifugi in quota. Sul menu si trovano cucina gourmet, di preferenza specialità dalla vicina Italia, piatti tipici regionali come il Capuns e gli evergreen svizzeri, ossia fondue e raclette. In ogni momento della giornata sono disponibili sandwich e deliziosi panini in diversi bar, caffè e lounge tutti da scoprire.

Un peccato di gola che vale la pena di concedersi è la torta di noci engadinese: grazie ai pasticceri locali questa specialità è stata affinata, combinata alla panna e al caramello e perfezionata con le noci. In questo modo, non solo è nata la specialità engadinese "tuorta, da nusch engiadinaisa", ma anche una tradizione in grado di attirare ospiti da tutto il mondo.